Navigation

Grecia: accordo su governo d'unità nazionale, verso elezioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2011 - 22:04
(Keystone-ATS)

Il primo ministro greco Giorgios Papandreou e il leader dell'opposizione conservatrice Antonis Samaras hanno trovato quest sera un accordo sulla formazione di un governo di unità nazionale per traghettare il paese fuori dall'impasse politica. Lo indica una dichiarazione della presidenza greca precisando che non sarà Papandreou a guidare il nuovo governo. E dopo che l'esecutivo avrà ratificato l'accordo europeo per gli aiuti economici saranno convocate elezioni anticipate.

Il nuovo governo sarà chiamato ad approvare le misure chieste dall'Ue e dal Fondo monetario internazionale (FMI) per ottenere la nuova tranche di aiuti di 8 miliardi di euro. In seguito, quando saranno concluse le riforme, saranno convocate le elezioni anticipate. Probabilmente nei primi mesi del prossimo anno.

Nel frattempo i dirigenti dei due partiti, il Pasok e Nuova Democrazia, si incontreranno per definire gli aspetti tecnici e i tempi per l'approvazione delle misure per il salvataggio della Grecia.

Domani è inoltre già previsto un incontro tra Papandreou e Samaras che, su invito del presidente della Repubblica, dovranno decidere il nome del primo ministro del futuro governo di unità nazionale. Secondo fonti giornalistiche il nome sul quale si sarebbero trovati d'accordo i due leader sarebbe quello di Lucas Papademos, ex Vice Presidente della Bce.

Papademos, 65 anni, laureato al Mit di Boston, quindi alla Columbia University prima di lavorare alla Fed di Boston nel 1980, ha indubbiamente il profilo giusto per l'incarico di premier di transizione in una Grecia sull'orlo del collasso.

L'ex banchiere centrale, vicino al Pasok di Papandreou, ha lavorato per anni alla Banca nazionale greca, dove ha iniziato la sua carriera nel 1985 come capo economista, prima di diventare vice governatore nel 1993 e governatore l'anno successivo. Papademos è stato designato poi vicepresidente della Bce nel 2002, incarico rivestito fino al 2010.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?