Navigation

Grecia: azienda spunta rimborso debito in... 391 anni

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2012 - 13:35
(Keystone-ATS)

Un'azienda greca è riuscita - non si ancora bene come - a ottenere una rateizzazione dei propri debiti di oltre 750'000 euro verso l'Ente Nazionale per la Previdenza Sociale (IKA), in 4700 rate mensili, con l'ultima rata in scadenza il 31 marzo del 2404: ovvero circa 160 euro al mese per 391 anni, con garanzia di rimborso affidata evidentemente alla sorte e scaricata sulla posterità.

In Grecia, colpita dalla più grave crisi economica della sua storia e al quinto anno consecutivo di recessione, succede anche questo.

Lo ha reso noto - scrive oggi il quotidiano ateniese Ethnos (Popolo) - il parlamentare della Sinistra Democratica, Giorgos Kyritsis, durante una seduta parlamentare in cui ha esibito il documento relativo all'accordo di rateizzazione senza però citare il nome della società beneficata.

Il deputato ha osservato che le definizione delle rate per i debiti superiori ai 300.000 euro viene decisa discrezionalmente dalla Direzione dell'IKA.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.