Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Dal 2011, quando in Grecia è cominciata la crisi, circa 10mila persone si sono tolte la vita e mio figlio era una di queste". Lo afferma Theodoros Giannoros, responsabile dell'Elpis Hospital di Atene, in una video-intervista sul sito del Corriere della Sera.

Nell'intervista, intitolata "Il conto della disperazione? Diecimila suicidi in cinque anni, l'ultimo quello di mio figlio", Giannoros - parlando in inglese - dice inoltre: "Non so se qualcuno può spiegare che cosa è successo. Molte persone hanno cercato di suicidarsi, ma sono state salvate, mentre altre 10mila sono già morte".

"Adesso - ha detto ancora il medico con la voce velata dall'emozione - le banche hanno cominciato a prendersi le nostre case. Quante altre persone devono trovare morte per capire?", si è chiesto riferendosi ai debiti dei cittadini nei confronti degli istituti di credito.

"Questa è una domanda alla quale non sono in grado di rispondere - ha aggiunto -. Tutto quello che io so è che abbiamo tutti lo stesso cuore, lo stesso sorriso e gli stessi occhi tristi delle altre persone nel resto del mondo, ma siamo così chiusi all'interno dell'Europa".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS