Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ATENE - I camionisti greci sospendono di nuovo da oggi sine die tutti i trasporti merce per protesta contro "le promesse del governo non mantenute", mentre esperti Ue e Fmi, riprendono i contatti ad Atene sull'attuazione del piano di austerità.
Lunghe code si sono formate sin da ieri ai distributori di benzina per timore che la protesta dei camionisti, come già lo scorso luglio, provochi scarsità di carburante, mentre si prepara ad essere approvata una legge che liberalizza il settore e che è al centro delle proteste degli autotrasportatori. Per evitare aumenti ingiustificati a causa della serrata dei camionisti, il governo si prepara a introdurre un tetto ai prezzi del carburante.
La protesta dei camionisti, che porteranno i loro veicoli davanti al parlamento, fa seguito alle grandi manifestazioni di sabato scorso a Salonicco in occasione della presenza nella città del premier Giorgio Papandreou, che ha ribadito di voler andare avanti con austerity e riforme. E secondo un sondaggio pubblicato dal quotidiano socialista To Vima, i Greci cominciano a rendersi conto che il rispetto del Memorandum firmato con Ue-Fmi è l'unico modo per uscire dalla crisi. Il 50,9% degli intervistati infatti ritiene che l'opposizione dovrebbe sospendere lo scontro sul Memorandum.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS