Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Abbiamo bisogno di un accordo forte e complessivo con la Grecia, che produca crescita, sia socialmente equo e finanziariamente sostenibile". Così il presidente della Bce Mario Draghi.

"Tutti gli attori devono correre l'ultimo miglio, ma la palla è nel campo della Grecia" e "la Bce sta facendo tutto quanto in suo potere", ha aggiunto.

Perché la Bce riveda il tetto agli acquisti di T-bills greci "ci dovrebbe essere una credibile prospettiva di una positiva conclusione della corrente revisione" del programma e la sua "conseguente messa in atto, che implicherebbe il pagamento dei fondi da parte dei paesi dell'Eurozona", ha detto Draghi al Parlamento europeo.

Al momento non possiamo fare previsioni o immaginare le conseguenze a lungo termine" di un'uscita della Grecia dall'Eurozona, ha detto il presidente della Bce rispondendo ad una domanda degli europarlamentari nell'audizione davanti alla Commissione Econ.

Un'intesa sulla revisione del programma della Grecia e sugli esborsi "è una decisione politica" e "spetta interamente all'Eurogruppo", ma "un accordo forte e credibile" e che arrivi "molto presto" è "necessario, non solo nell'interesse della Grecia ma dell'intera Eurozona", ha sottolineato.

La situazione economica in Grecia è drammatica" ma "non è responsabilità degli altri paesi dell'Eurozona o delle istituzioni europee", ha puntualizzato Draghi che rispondendo ad una domanda del deputato greco Marias, ricorda le cifre i 223 miliardi di prestiti bi e multilaterali, "più" l'Ela, "più i soldi del Fmi", "più l'haircut del 53,3%".

Con una 'Grexit', "entreremmo in un terreno ignoto", perché se anche dopo le ultime riforme del sistema finanziario ci sono strumenti per gestire la situazione nel breve, "nel medio lungo periodo quali sarebbero le conseguenze per l'Ue? Questo non siamo in grado di prevederlo", ha detto Draghi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS