Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel corso dei consueti controlli estivi, le autorità fiscali greche hanno scoperto di nuovo livelli estremamente elevati di evasione fiscale sulle isole elleniche. Lo ha riferito il quotidiano Kathimerini citando un rapporto del ministero delle Finanze.

In base ai dati diffusi dal ministero, le 1.088 ispezioni condotte dal 15 giugno al 15 luglio in ristoranti, bar, alberghi e locali notturni hanno consentito di accertare che le isole di Rodi e Zakynthos (Zante) sono quelle in cui si registra la più alta percentuale di reati fiscali come il mancato pagamento dell'Iva, false dichiarazioni, falsificazione di ricevute o mancata tenuta dei libri contabili.

In particolare a Rodi tale percentuale è risultata dell'84.62% e a Zakynthos dell'80%. Seguono Santorini con il 77.14%, Tinos con il 72.73%, Paros con il 68.18% e Syros con 57.9% degli evasori. In totale sono state contestate 2.473 violazioni a 538 imprese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS