Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERLINO - La Grecia deve mettere a punto un piano triennale di tagli alla spesa in accordo con il Fondo monetario internazionale, la Banca centrale europea e la Commissione europea in cambio dell'attivazione del pacchetto di aiuti Ue-Fmi da 45 miliardi di euro. Questa la precondizione fissata dal ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, secondo quanto riporta il "Financial Times".
"Alla Grecia è stato detto di fornire questa settimana proposte dettagliate per centrare gli obiettivi del piano di riduzione del deficit 2011-2012, in aggiunta a quello per l'anno in corso - scrive l'Ft - per poter ottenere l'approvazione del prestito da 45 miliardi di euro". Per Schaeuble, scrive ancora il quotidiano, non è stata presa ancora nessuna decisione in merito all'attivazione del piano di aiuti e il verdetto "può essere sia positivo che negativo - ha detto Schaeuble all'Ft in una intervista realizzata nel fine settimana scorso - e dipende dal fatto che la Grecia vada avanti con rigorose misure di risparmio negli anni a venire".
E in una intervista pubblicata ieri dal quotidiano tedesco Bild, Schaeuble, ha ribadito che gli aiuti alla Grecia non sono automatici e che possono essere ancora respinti: "Né la Ue né il governo tedesco hanno ancora preso una decisione - ha dichiarato il ministro tedesco - In questo caso una decisione in merito può ancora essere sia positiva che negativa".

SDA-ATS