Navigation

Grecia: giura Sakellaropoulou, prima presidente donna

Foto simbolica. KEYSTONE/EPA/LOUISA GOULIAMAKI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 marzo 2020 - 13:18
(Keystone-ATS)

Ekaterini Sakellaropulou ha prestato giuramento ed è da oggi la prima presidente donna della storia greca. La cerimonia in Parlamento ad Atene è stata abbreviata ed il numero dei presenti ridotto da mille a poco più di 150 a causa dell'emergenza coronavirus.

La 63enne magistrata ha giurato nelle mani dell'arcivescovo Ieronymos, capo della chiesa ortodossa di Grecia.

Primo atto, la deposizione di una corona al monumento del milite ignoto, davanti al Parlamento in piazza Syntagma, poi la cerimonia di passaggio di consegne con il suo predecessore, Prokopis Pavlopoulos, al Palazzo Maximos, sede della presidenza della Repubblica.

Sakellaropoulou, che preferisce farsi chiamare Katerina, invece del più formale Ekaterini, era stata eletta a gennaio dal Parlamento con 261 voti su 300, una massiccia maggioranza bipartisan, dopo essere stata indicata dal premier Kyriakos Mitsotakis.

Già presidente del Consiglio di Stato greco, massima istanza amministrativa ellenica, Sakellaropoulou si è formata in Grecia e alla Sorbona di Parigi. Tra le priorità dichiarate, la crisi economica, migrazioni, e tutela ambientale.

Ma entra in carica nel mezzo della crisi scatenata dal coronavirus. In Grecia ci sono 117 casi registrati della malattia. Il governo ha chiuso scuole tribunali, cinema, teatri nel tentativo di contenere l'epidemia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.