Navigation

Grecia: Iif, no crediti nonostante nuovi aiuti

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2012 - 13:43
(Keystone-ATS)

Nonostante il secondo pacchetto di aiuti per la Grecia, le grandi banche internazionali continueranno a non concedere nuovi crediti ad Atene per "lungo tempo". Lo sostiene oggi il quotidiano Die Welt, che cita un documento della federazione internazionale delle banche Iif.

"Le drammatiche perdite di cui si è dovuto far carico il settore privato rendono improbabile che il flusso di crediti privati verso la Grecia possa riprendere in tempi brevi", si può leggere nel rapporto citato dal quotidiano tedesco. "Il governo greco - continua il testo - dovrà dunque dipendere per lungo tempo dal settore pubblico".

Il documento non esclude che nel prossimo futuro le grandi banche possano volgere le spalle anche ad altri Paesi deboli dell'eurozona. L'Iif si riferisce in particolare a Portogallo, Irlanda e Spagna, che non sono riusciti a rispettare gli ambiziosi piani di risanamento e risparmio per il 2011. "In considerazione delle grandi perdite subite in Grecia, gli investitori riconsidereranno i rischi legati ai titoli di Stato della periferia dell'eurozona", scrive la federazione delle banche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?