Navigation

Grecia: parlamento approva tassa sulla casa

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 settembre 2011 - 20:11
(Keystone-ATS)

Il Parlamento greco ha approvato questa sera con 155 voti a favore e 142 contrari (su 297 votanti) la controversa legge per imporre una tassa sugli immobili.

La nuova legge - già ribattezzata la "stangata sulla casa" - secondo le intenzioni del governo dovrà portare circa 400 miliardi di euro nelle dissestate casse statali. Era stata pensata inizialmente come imposta d'emergenza per il solo biennio 2011-2012, ma pochi giorni fa il ministro delle finanze Evangelos Venizelos ha annunciato che la tassa diventerà permanente. Così dal 2013 sarà inserita nel sistema fiscale nazionale e sarà applicata ogni anno.

Alla legge è stata apportata una modifica che esenterà dal pagamento dell'imposta coloro che sono disoccupati da molto tempo o che hanno un reddito annuale inferiore ai 12.000 euro. Le famiglie che hanno tre o più figli e i disabili pagheranno invece la tassa minima di 50 centesimi per metro quadrato. La nuova legge prevede che i proprietari di casa debbano pagare sino a 16 euro al metro quadrato a seconda del valore dell'abitazione stimato dall'ufficio erariale sulla bolletta dell'elettricità.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?