Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo 23 giorni di chiusura, riaprono le banche in Grecia. Saracinesche su, puntuali alle 8.00, ora locale (le 7.00 in Svizzera). Chi si aspettava l'assalto alle filiali resta deluso: file contenute e ordinate. Niente di diverso da un qualsiasi lunedì mattina.

Situazione più difficile, ma apparentemente sotto controllo, nei supermercati. L'aumento dell'Iva, dal 13 al 23%, per tanti generi alimentari, dal burro ai biscotti e al cioccolato, impone una frenetica attività per cambiare le etichette dei prezzi dei prodotti sugli scaffali. È previsto che l'iva per i trasporti passi dal 5 al 10%. I tassisti non hanno ancora aggiornato i tassametri, quindi hanno tre scelte: chiedere l'aumento a voce, rimetterci in proprio o emettere ricevute 'vecchiè. Non cambia l'iva per i generi di fascia alta: era e resta al 23% come per i pneumatici. Ma c'è in vista anche un ribasso: scenderà dal 6,5% al 6% l'imposta su farmaci, libri, riviste e biglietti per spettacoli. Nelle farmacie, però, l'aspirina è ancora al 6,5%. "Attendiamo la direttiva del ministero della Salute", spiegano in una farmacia in piazza Omonia dove la confezione da 20 di aspirina è vendita a 1,81 euro.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS