Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Siamo difficili da ricattare": con queste parole il ministro tedesco delle Finanze, Wolfgang Schäuble, ha ribadito il "no" di Berlino a un'eventuale richiesta formale di taglio del debito pubblico da parte del nuovo governo ellenico del premier Alexis Tsipras.

"Siamo pronti a ogni dialogo", ma le regole vanno rispettate e gli impegni fondamentali mantenuti, ha ribadito Schäuble: la fiducia e l'affidabilità sono i fondamenti di ogni solidarietà. "Su questo c'è poco da discutere con noi, e quindi siamo difficili da ricattare", ha chiosato intervenendo a un convegno a Berlino.

Tutte le decisioni, ha aggiunto il ministro, sono state prese in modo tale da dover essere rispettate e mantenute in tutte le circostanze. "In questo contesto siamo pronti a ogni cooperazione e solidarietà, ma solo in questo contesto e in nessun altro". Secondo Schäuble gli aiuti internazionali concessi dai partner europei e dal Fondo monetario internazionale sono straordinariamente generosi e in parte al limite del possibile.

Per il politico tedesco, infine, "gli accordi hanno senso se vengono mantenuti", altrimenti la fiducia andrebbe distrutta. E senza fiducia l'approvazione della popolazione per la solidarietà sarebbe in pericolo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS