Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Grecia ha rimborsato al Fondo monetario internazionale il prestito in scadenza da 450 milioni di dollari ma resta lo spettro del default.

Atene continua infatti a negoziare con Bruxelles l'approvazione di un pacchetto di riforme che dovrà sbloccare i nuovi aiuti internazionali poiché il 24 aprile le casse dello Stato saranno vuote. Il paese rischia quindi di non avere i soldi per onorare i suoi debiti e per pagare stipendi e pensioni.

"Il pagamento è stato registrato e sarà effettuato in giornata", ha detto una fonte ufficiale del governo greco. Secondo il giornale Kathimerini, l'Euro Working Group, l'organismo tecnico dell'Eurogruppo, ha concesso alla Grecia una scadenza di sei giorni lavorativi di tempo per rivedere la lista di riforme da presentare all'Eurogruppo entro il 24 aprile.

Il quotidiano ricorda che l'approvazione delle riforme da parte di Bruxelles è essenziale per poter sbloccare i nuovi aiuti alla Grecia.

Dopo l'incontro di ieri con Vladimir Putin (che il Cremlino oggi ha definito "molto positivo"), il premier greco Alexis Tsipras vedrà oggi a Mosca l'omologo Dmitri Medvedev, col quale discuterà di "vari aspetti dell'interazione economica e commerciale", come ha fatto sapere il servizio stampa del governo russo.

L'incontro fa parte della visita di due giorni del premier ellenico in Russia, iniziativa che ha sollevato critiche da diversi rappresentanti Ue, che non vedono di buon occhio l'avvicinamento di Atene a Mosca.

Come anticipato ieri dal ministro dello Sviluppo economico russo, Aleksei Ulyukayev, nei colloqui di oggi si dovrebbe affrontare la questione dell'embargo alimentare contro l'import Ue, che ha molto colpito il settore ortofrutticolo greco.

Tsipras in un intervento all'università russa Mgim ha fatto sapere che Atene e Mosca hanno avviato negoziati sulla partecipazione russa alle privatizzazioni di società greche.

"Lo scopo principale del nostro governo - ha spiegato il premier - è che la Grecia rimanga nell'Eurozona e siamo alla ricerca di una soluzione comune europea".

Incontrando oggi il presidente della Duma russa Serghei Naryshkin, Tsipras ha rivendicato il ruolo del nuovo governo greco nel contribuire a evitare l'espansione delle sanzioni settoriali Ue contro Mosca per la crisi ucraina.

Dal canto suo, riferisce Ria Novosti, il presidente della Camera bassa del parlamento russo ha auspicato la formazione all'interno del parlamento greco di un "gruppo di amicizia" con i parlamentari russi. "Voglio sottolineare che il parlamento greco è aperto alla cooperazione con la Duma di Stato", gli ha fatto eco Tsipras, ribadendo che la soluzione ai problemi nei rapporti tra Russia e Ue va cercata nel dialogo, piuttosto che nell'escalation della guerra economica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS