Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Greenpeace, Pro Natura, ATA e WWF Svizzera raccomandano di bocciare l'iniziativa popolare "Per un equo finanziamento dei trasporti" in votazione il prossimo 5 di giugno, poiché avrebbe conseguenze "nefaste".

Attualmente la superficie occupata da strade a autostrade costituisce oltre un quarto dell'area urbanizzata in Svizzera, si legge in un comunicato delle quattro associazioni riunite nell'Alleanza ambiente.

E se l'iniziativa, detta anche della "vacca da mungere", fosse accettata, le associazioni calcolano che 92 km2 di terreni agricoli o naturali, ossia un'area come Zurigo, sarebbero trasformati in strade nell'arco di dieci anni.

Il suolo è un bene raro e la costruzione di nuove strade comporterebbe una crescita del traffico, dell'inquinamento e delle emissioni di CO2, in contrasto con gli obiettivi svizzeri di politica climatica, aggiunge la nota odierna.

Un sì all'iniziativa sottrarrebbe inoltre un'ingente somma alle casse pubbliche e imporrebbe sostanziali risparmi in settori centrali dello Stato, quali la formazione e i trasporti pubblici.

D'altro canto, un miliardo e mezzo di franchi all'anno sarebbe destinato al fondo per le strade, quando quest'ultimo ha una solida riserva e attualmente non prevede abbastanza progetti di costruzione per spendere questi soldi supplementari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS