Navigation

Grenfell Tower: lascia la comandante dei pompieri di Londra

Il terribile rogo che ha divorato il grattacielo. KEYSTONE/AP/MATT DUNHAM sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 dicembre 2019 - 12:48
(Keystone-ATS)

La comandante dei vigili del fuoco di Londra, Dany Cotton, 50 anni, prima donna a ricoprire l'incarico, ha annunciato le sue dimissioni a fine anno dopo le accuse che l'hanno investita in un primo rapporto recente sul micidiale incendio della Grenfell Tower del 2017.

Cotton lascerà con quattro mesi di anticipo sulla scadenza del mandato. Il suo passo indietro è stato accolto con sollievo dalle associazioni dei familiari delle vittime e dei sopravvissuti del rogo che due anni e mezzo fa devastò il grattacielo popolare ai margini di Chelsea, nel cuore della capitale britannica, causando la morte di 72 persone.

Tali associazioni da tempo ne avevano chiesto la rimozione, sollecitando inoltre un'indagine penale su di lei. Dany Cotton, nel suo messaggio di congedo, ammette che ha il corpo ha "lezioni da apprendere" per quanto accaduto alla Grenfell Tower, pur sottolineando come si sia trattato del "peggiore incendio" affrontato nella storia moderna di Londra. Auspica poi che "una nuova leadership possa contribuire a mantenere sicuri i londinesi".

Il primo rapporto stilato sulla tragedia di Grenfell dalla commissione indipendente guidata dall'ex magistrato Martin Moore-Bick ha puntato il dito contro "la grave impreparazione" mostrata dai vigili del fuoco nella circostanza. E ha denunciato come l'indicazione iniziale data agli inquilini (anche dei piani alti) di restare chiusi negli appartamenti ("stay put") abbia contribuito a rendere più grave il bilancio dei morti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.