Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il fumo che esce dalla Grenfell Tower (foto d'archivio)

Keystone/EPA/WILL OLIVER

(sda-ats)

Un'elevata concentrazione di tossine potenzialmente cancerogene è stata rilevata da uno studio fra le strutture bruciate della Grenfell Tower, il grattacielo popolare divorato l'anno scorso da un incendio che costò la vita ad almeno 72 persone.

A svelarlo è oggi il Guardian online, denunciando ritardi delle autorità sanitarie britanniche e del ministero della Salute nel reagire.

Secondo i dati preliminari dello studio, affidato ad Anna Stec, luminare mondiale della tossicologia, fra i detriti dell'edificio vi sono tracce "enormi" di acido cianidrico e di altre sostanze che potrebbero avere effetti gravi nel medio periodo sulla salute degli inquilini superstiti, dei vigili del fuoco e dei soccorritori, di molte persone residenti nella zona: incluso quello di sviluppare carcinomi.

L'allarme è stato condiviso con le autorità sanitarie e politiche, a cominciare dal Public Health England, che però avrebbero deciso di rinviare qualsiasi screening generale fra i soggetti a rischio alla pubblicazione della ricerca completa. Attesa nel 2019.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS