Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il comune vallesano di Grimisuat, sulla riva destra del Rodano sopra Sion, ha aperto un giardinetto pubblico destinato al miglior amico dell'uomo, il cane. Con questa iniziativa le autorità comunali rispondono ad una crescente domanda della cittadinanza e alla sempre maggiore presenza di cani, con poco spazio dove portarli a passeggiare e regolare i loro bisogni fisiologici.

Il giardinetto-parco, 400 metri quadri, è destinato ai 173 cani che vivono in un comune di 3300 abitanti e il finanziamento dell'opera è interamente coperto dalla tassa sull'animale, assicura la sindaca di Grimisuat, Géraldine Marchand-Balet, che conferma così una notizia diffusa dalla radio regionale Rhône FM.

A questo punto dovrebbero venir risolte le vertenze con gli agricoltori della regione, che lamentavano l'eccessiva presenza di cani, senza guinzaglio, liberi di fare i loro bisogni nei prati e nei pressi di mucche al pascolo, col rischio che queste ultime subissero dei morsi.

Il giardinetto risponde pienamente alla bisogna: sabbia, sacchetti di plastica per la raccolta degli escrementi, panchine per sostare e spazio per correre. Costo dell'operazione: 11'000 franchi. Ora c'è tutto, dichiara la sindaca, ma i proprietari di cani devono assicurare la pulizia del parco ed evitare gli eccessi sonori dei loro amici a quattro zampe, cosa tutt'altro che facile.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS