Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La commissione del Consiglio nazionale per la politica di sicurezza ritiene che la procedura di valutazione dell'aereo da combattimento svedese Gripen sia stata finora corretta e rinuncia a chiedere al governo una sospensione. Al termine della sua inchiesta, esige tuttavia miglioramenti "a livello politico".

Per la commissione, la scelta dell'apparecchio fatta dal Consiglio federale è l'aspetto che comporta i maggiori rischi (tecnici, commerciali, politici, finanziari o di scadenza nella consegna). Occorre "premunirsi a sufficienza", afferma nel suo rapporto.

Nonostante dubbi e riserve, la maggioranza borghese della commissione rimane tuttavia favorevole all'acquisto del nuovo velivolo, ha dichiarato alla stampa il deputato sciaffusano dell'UDC Thomas Hurter.

In una nota il Dipartimento federale della difesa (DDPS) diretto da Ueli Maurer si dice "fiducioso" riguardo a un esito soddisfacente delle trattative in corso con i partner svedesi, trattative che "stanno per essere concluse".

Riguardo alle questioni sollevate nel rapporto il DDPS sostiene che "sono identificate da tempo" e assicura che sta lavorando sistematicamente per eliminare le lacune constatate. Quanto alle questioni in sospeso, saranno chiarite nel messaggio sul programma d'armamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS