Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ambasciatore di Svezia a Berna è di nuovo oggetto di critiche per il suo attivo immischiarsi nella procedura elvetica d'acquisto dell'aereo da combattimento Gripen: la radio pubblica del suo paese ha reso noti oggi altri documenti confidenziali in cui il diplomatico si esprime tra l'altro in modo poco lusinghiero nei confronti del ministro della difesa Ueli Maurer.

Già in febbraio la radio aveva pubblicato sul suo sito internet documenti confidenziali dell'ambasciata svedese in Svizzera. Dai testi, redatti fra ottobre e dicembre 2013, appariva che l'ambasciatore Per Thöresson aveva assunto un ruolo decisamente attivo in vista della votazione federale sugli aerei prodotti nel suo paese, allacciando tra l'altro contatti intensi con il consigliere federale Ueli Maurer.

Dai documenti tradotti in inglese rivelati oggi e subito ripresi da diversi organi di stampa svizzeri risulta che il diplomatico si è immischiato anche nel processo parlamentare. Egli ha avuto un ruolo attivo in vista della decisione della Commissione della politica di sicurezza (CPS) del Consiglio nazionale, che ha approvato nell'agosto 2013 l'acquisto del Gripen. Secondo i documenti, l'ambasciatore ha stilato una lista di tutti i membri della commissione, con i rispettivi punti di vista sulla questione e i deputati da convincere. Prima della decisione ha avuto colloqui con il presidente della commissione Thomas Hurter, deputato UDC ritenuto critico verso il jet svedese, e con il consigliere nazionale Philipp Müller, presidente del PLR svizzero.

Dai documenti emerge anche che Per Thöresson si è espresso in termini che fanno apparire in una luce poco lusinghiera il ministro della difesa Ueli Maurer, come già aveva fatto con alcuni parlamentari elvetici. Il ministro - ha scritto l'ambasciatore a Stoccolma - "apprezza le nostre discussioni molto aperte e accetta di buon grado le nostre proposte riguardo a quali parlamentari devono ancora essere 'lavorati' e come".

Interpellato dall'ats, il Dipartimento federale della difesa ha risposto che sta esaminando i documenti in questione.

SDA-ATS