Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ombudsman della SSR per la Svizzera tedesca Achille Casanova ha respinto tutti i 110 reclami contro il servizio critico sugli aerei da combattimento Gripen durante la il programma "Rundschau" della SRF, considerato tendenzioso. La trasmissione non ha violato il principio dell'oggettività, si legge nella newsletter "Inside" della SSR pubblicata oggi.

Il numero inusualmente elevato di reclami è dovuto all'appello lanciato da un gruppo di favorevoli al Gripen - la "Informationsgruppe PRO-Kampfflugzeug" - in internet, accompagnato da istruzioni su come si debba scrivere una lettera di protesta.

Il servizio dello scorso 16 aprile, seguito da un'intervista al consigliere federale Ueli Maurer in cui il ministro della difesa ha perso le staffe, aveva fatto molto scalpore. Numerosi spettatori hanno scritto un'e-mail a Casanova.

Il filmato è stato definito "unilaterale" e "propaganda contro il Gripen". Molti hanno considerato problematico il paragone con le Forze aeree di Austria, Repubblica ceca e Ungheria, Paesi con una dimensione simile alla Svizzera. Inoltre per diversi spettatori l'esperto di armamenti tedesco intervistato, che ha definito l'acquisto dei Gripen costoso e inutile, non era neutrale. Pure il modo in cui il moderatore Sandro Brotz ha condotto la discussione non è piaciuto: egli avrebbe avuto un atteggiamento arrogante e aggressivo nei confronti di Maurer.

Ma anche l'ombudsman ha espresso critiche: il servizio "non ha rispettato le elevate esigenze in materia di imparzialità richieste in vista di una votazione popolare". Inoltre aspetti importanti a favore dell'aereo da combattimento non sono praticamente stati considerati, afferma Casanova in una delle sue risposte.

La parzialità del filmato è però stata "in gran parte ristabilita" dal colloquio di nove minuti con il ministro della difesa. Maurer ha potuto spiegare dettagliatamente la sua posizione e "contraddire in maniera completa" i punti critici presentati nel servizio.

Casanova ammette che le domande del moderatore "a volte erano inutilmente provocatorie" o "semplicemente banali", ma Brotz non ha mai perso la creanza richiesta. Anche le domande "di per sé problematiche" sono state poste in modo trasparente e aperto.

Maurer ha sfruttato abilmente la possibilità offertagli per battersi per il Gripen. Per questo motivo l'ex cancelliere della Confederazione ticinese ritiene che il pubblico sia assolutamente stato in grado "di formare una propria opinione".

SDA-ATS