Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Da oggi il comitato di sostegno all'acquisto del Gripen distribuisce materiale propagandistico - un giornale gratuito - in tutte le case in vista della votazione popolare del 18 maggio. Fatto eccezionale: nel tentativo di convincere i cittadini sulla bontà del progetto, si esprimono ben tre consiglieri federali ossia Ueli Maurer, ministro della difesa cui danno man forte Doris Leuthard e Didier Burkhalter.

"Ho discusso con la signora Leuthard e il signor Burkhalter ed entrambi si sono detti d'accordo", ha affermato all'ats Hans-Peter Wüthrich, direttore della campagna "Sì al Gripen", tornando su una informazione diffusa dalla RTS. Maurer rilascia un'intervista mentre gli altri due suoi colleghi di governo presentano in breve la loro posizione sulla votazione.

Quanto agli membri di partito e di governo che pure sostengono l'acquisto del caccia da combattimento, il comitato non ha voluto interpellare Johann Schneider-Ammann "in quanto è già occupato nella campagna sul salario minimo, né Eveline Widmer-Schlumpf poiché ci sono altri membri del Partito borghese democratico che si esprimono" nel materiale giunto nelle case, ha spiegato Wüthrich, che è membro dell'Associazione per una Svizzera sicura.

Sul fatto che siano stati scelti proprio Leuthard e Burkhalter per esprimere sostegno al Gripen, da rilevare che in un sondaggio sulla popolarità dei membri del governo realizzato lo scorso marzo, la ministra PPD era arrivata prima con il 79% dei consensi, il ministro radicale si era classificato terzo, con il 71%.

Interrogato sul carattere eccezionale della partecipazione di tre consiglieri federali nel giornale a tutti i fuochi, il portavoce governativo André Simonazzi si è limitato a dire che in tutte le campagne di votazione gli interventi vengono suddivisi tra i membri dell'esecutivo e che "il supporto utilizzato per questa informazione non ha alcun ruolo in questo caso".

Tra le altre personalità che si esprimono nel documento figurano in particolare parlamentari federali dei partiti di centro destra, l'ex capo dell'esercito Christophe Keckeis e diversi imprenditori, ma ci sono anche Bertrand Piccard e André Borschberg, soci fondatori e piloti dell'aereo solare "Solar Impulse".

Il giornale, composto di 12 pagine e il cui titolo punta sulla sicurezza per tutte le svizzere e gli svizzeri, è stato stampato in 2,8 milioni di copie. Contiene fotografie e grafici a colori e propone perfino un concorso che permette di vincere un volo sulle Alpi.

Wüthrich non ha voluto rivelare il costo dell'operazione, ma ha reso noto che il suo finanziamento rientra nell'ambito del budget della campagna, sostenuta principalmente da sponsor privati. A suo parere la diffusione del materiale nelle case non ha nulla a che vedere con il sondaggio dello scorso 11 aprile, da cui è emerso che il 52% dei cittadini è contrario all'acquisto dei Gripen, contro il 42% di favorevoli e il 6% di indecisi. "La cosa era già stata inserita da tempo nella nostra strategia - ha commentato Wüthrich -; è necessario informare la popolazione in modo corretto, poiché tutti i media sono contro di noi".

SDA-ATS