Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Philipp Müller difende Johann Schneider-Ammann nel dossier relativo alla tassazione dell'azienda industriale di proprietà della famiglia del consigliere federale. Il presidente del PLR critica in modo pesante i nuovi accertamenti sulle controverse pratiche fiscali del gruppo Ammann, che per anni ha depositato fondi nell'isola di Jersey, noto paradiso fiscale, e in Lussemburgo.

L'azienda bernese - attiva nella fabbricazione di macchinari - ha ottenuto il via libera dalle autorità fiscali, ricorda Müller in un'intervista pubblicata oggi dalla "Nordwestschweiz" e dalla "Südostschweiz". Al pari di Schneider-Ammann, il presidente del PLR denuncia con forza la decisione delle autorità bernesi di voler esaminare nuovamente la questione.

"Se cominciamo a rimettere in discussione retroattivamente un accordo legale fra le autorità fiscali e un'impresa, quest'ultima, scusate i termini, si fa prendere per il culo", afferma Müller. Ne va della sicurezza del diritto, aggiunge. Il gruppo Ammann non si è comportato illegalmente, prosegue. Con questa decisione - conclude - lo Stato vuole semplicemente incassare più soldi.

La direzione delle finanze del canton Berna ha annunciato giovedì scorso di voler esaminare più accuratamente la tassazione del gruppo industriale Ammann e ha chiesto ufficialmente l'appoggio dell'Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) per stabilire se il suo atteggiamento nei confronti delle società offshore sia conforme alle leggi svizzere.

A sollevare il polverone era stata in gennaio la trasmissione "Rundschau" della tv svizzerotedesca SRF: basandosi su documenti fiscali confidenziali, aveva riferito a fine 2008 la società deteneva a Jersey fondi pari a 264 milioni di franchi. Nel 2009, un anno prima dell'elezione di Schneider-Ammann in Consiglio federale, il denaro sarebbe stato trasferito in Svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS