Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Franck Giovannini in posa nella cucina del celeberrimo Hotel de Ville di Crissier, incoronato cuoco dell'anno dalla guida GaultMillaut.

KEYSTONE/LAURENT GILLIERON

(sda-ats)

L'offerta gastronomica in Svizzera si distingue per vitalità. In dieci anni, il numero di ristoranti stellati inseriti nella Guida Michelin è aumentato del 40%.

L'edizione 2018 del famoso vademecum per epicurei d'ogni bordo annovera ben 118 ritrovi selezionati con una, due o tre stelle.

Sono quattordici i ristoranti che hanno ricevuto per la prima volta una stella. Tra questi figura la Locanda Barbarossa di Ascona. Per quanto attiene ai Grigioni, una stella ciascuno è stata assegnata allo Stiva Veglia di Ilanz/Schnaus, al Weiss Kreuz di Malans e al IGNIV di St. Moritz del pluridecorato Andreas Caminada.

Quest'ultimo ha mantenuto le tre stelle per il suo Schauenstein a Fürstenau, sempre nei Grigioni. Gli altri tre stelle sono, come per l'anno passato, il ristorante Cheval Blanc di Basilea di Peter Knogl e il celeberrimo Hotel de Ville di Crissier dell'artista dei fornelli Franck Giovannini (degno successore del compianto Benoît Violier), incoronato cuoco dell'anno dalla guida GaultMillaut.

Gli stabilimenti che possono vantare due stelle in Svizzera sono ben diciannove. Tra questi il ristorante di Ascona "Ecco", cui si affiancano tre altri ristoranti nei Grigioni.

Per il Ticino, con una stella, oltre alla già citata Locanda Barbarossa, figurano anche la Locanda Orico di Bellinzona del cuoco Lorenzo Albrici, Arté di Lugano e il Conca Bella di Vacallo. Nei Grigioni i ritrovi con una stella sono in totale dodici.

La guida Michelin ha provveduto anche a declassare diversi ristoranti. Ben sedici le stelle soppresse (14 ristoranti). Hanno perso una stella il Tentazioni di Cavigliano, il Seehof-Stübli di Davos e il Walserstube di Klosters. Sempre nei Grigioni, ha perso le due stelle che aveva nel 2017 il "Bumanns Chesa Pirani" di La Punt-Chamues.

A livello nazionale, i Grigioni guidano la classifica dei ristoranti stellati (ben 16 stelle), seguiti da Zurigo (15 stelle) e Vaud (12 stelle). Il Ticino ne ha cinque.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS