Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA/PORT-AU-PRINCE - Il gruppo di esperti partito ieri dalla Svizzera è giunto ad Haiti, nella zona devastata dal terremoto. La squadra è stata costretta ad atterrare nella Repubblica Dominicana ed ha raggiunto il paese confinante via terra: l'aeroporto di Port-au-Prince era infatti ancora inagibile. Lo ha indicato stamane ai microfoni della radio DRS Toni Frisch, capo del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA).
Frisch ha ribadito che è stata una buona decisione quella di non inviare immediatamente sul posto una grossa colonna di soccorso: la situazione è tuttora troppo caotica e una simile missione rischia di fallire. L'intera gestione della logistica ad Haiti è sull'orlo del collasso e manca una visione d'insieme, ha aggiunto il responsabile del CSA.
Il gruppo giunto oggi sull'isola conta cinque membri del CSA, un esperto dell'Onu e uno del Dipartimento della difesa. Stamane dovrebbe partire dalla Svizzera un'altra squadra di 18 esperti in aiuto umanitario della Confederazione. Si tratta di specialisti in logistica, sicurezza, approvvigionamento di acqua potabile e alloggi temporanei. Domani dovrebbe iniziare l'invio di primi aiuti in collaborazione con la Croce Rossa Svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS