Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Hani Ramadan (foto d'archivio)

KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI

(sda-ats)

Il controverso direttore del Centro islamico di Ginevra Hani Ramadan è stato espulso ieri sera dalla Francia verso la Svizzera.

Lo ha comunicato il ministero francese dell'interno sul suo sito internet. Da venerdì, contro Ramadan è stato emesso un divieto amministrativo di soggiorno nel territorio francese. L'interessato ha annunciato questa sera che farà ricorso contro la decisione, definita "ingiustificata". Il decreto di espulsione - afferma - contiene errori e una versione riduttiva delle mie vere opinioni", afferma.

Il documento gli era stato consegnato ieri pomeriggi dopo una conferenza che aveva tenuto a Colmar, nell'est della Francia. È stato quindi condotto al commissariato della città e poi portato alla frontiera svizzera a Basilea, indica la nota di Hani Ramadan.

L'uomo "è noto per avere avuto un comportamento e fatto commenti - in passato - che hanno rappresentato una grave minaccia per l'ordine pubblico sul suolo francese", precisa il ministero francese. Negli ultimi mesi diverse sue conferenze sono state annullate in Francia.

Hani Ramadan è il fratello del più noto professore universitario Tariq Ramadan. Nell'ottobre 2002 era stato sospeso dall'incarico di professore di francese in una scuola media di Meyrin (GE) e poi licenziato l'anno successivo: in un articolo pubblicato dal quotidiano francese Le Monde aveva difeso la lapidazione per punire l'adulterio e aveva lasciato intendere che l'Aids è una punizione divina.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS