Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le Hawaii puntano sul "verde": entro il 2045 vogliono essere il primo Stato Usa a soddisfare il proprio fabbisogno elettrico al 100% con fonti di energia rinnovabili. Nei giorni scorsi lo Stato ha approvato una legge che mette in bilancio 26 miliardi di dollari.

"È un passo significativo per i nostri sforzi di ridurre la dipendenza delle Hawaii dalle costose importazioni di petrolio e per indirizzare lo Stato verso una maggiore sicurezza energetica, ambientale ed economica", ha spiegato a Climate Central, Mark Glick, responsabile per l'Energia delle Hawaii.

Lo Stato importa circa il 93% della sua energia, elemento che rende il suo sistema elettrico fra i più costosi della nazione. Il cammino verso un futuro fatto solo di rinnovabili è già stato avviato: quasi un quarto dell'energia elettrica (il 22%) è già alimentato da fonti verdi, per lo più sole e vento.

Il provvedimento approvato nei giorni scorsi - che dovrà essere firmato dal governatore David Ige entro fine giugno - è la House Bill 623, che prevede di raggiungere l'obiettivo del 100% rinnovabili entro 30 anni grazie a un mix di eolico, solare, idroelettrico e geotermico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS