Navigation

Helvetia: utile in deciso aumento nel 2019

Ottimo 2019 per l'assicuratore Helvetia. KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2020 - 08:45
(Keystone-ATS)

L'assicuratore Helvetia ha approfittato nel 2019 dell'andamento dei mercati finanziari per far crescere l'utile netto del 25% su base annua a 538 milioni di franchi. Il gruppo proporrà agli azionisti un aumento dei dividendi.

Oltre a solidi risultati negli affari vita e non vita, e negli investimenti, Helvetia ha approfittato di un positivo effetto fiscale una tantum per un valore di oltre 93 milioni di franchi, dovuto essenzialmente alla rivalutazione degli accantonamenti fiscali latenti.

"Anche nel 2019 siamo riusciti a produrre ciò che avevamo promesso. Il nostro risultato è migliorato in modo significativo", ha dichiarato il CEO Philipp Gmür, citato in una nota.

Negli affari non-vita il risultato al netto delle imposte è stato di 398,5 milioni, pari ad un aumento del 20%. Nel settore vita il gruppo ha conseguito un incremento del 51,7% a 224,4 milioni.

Il volume totale degli affari è ammontato a 9,45 miliardi di franchi. La crescita effettiva al netto degli effetti valutari è stata del 5,6%. In virtù degli effetti negativi del tasso di cambio, il volume in franchi è cresciuto un po' di meno, cioè del 4,2%.

Con un 8,3% in valuta originale, gli affari non-vita sono stati il principale elemento di traino della crescita. Helvetia ha segnato un aumento in particolare nelle assicurazioni cose, nel ramo Engineering e nella Riassicurazione attiva.

Il volume di investimenti ha segnato un vistoso aumento di 2,5 miliardi di franchi rispetto all'anno precedente e alla fine del 2019 ammontava a 54,5 miliardi circa.

Visti i risultati, il consiglio d'amministrazione propone all'assemblea generale di aumentare aumentare il dividendo di 20 centesimi a 5 franchi per azione. Secondo quanto comunica il gruppo, Helvetia è sulla strada giusta per superare gli obiettivi finanziari prefissati per la fine del 2020.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.