Navigation

Hildebrand (BNS): evitare franco troppo forte, UBS ora "solida"

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 gennaio 2010 - 17:01
(Keystone-ATS)

ZURIGO - La Banca nazionale svizzera (BNS) continuerà a evitare un apprezzamento troppo forte del franco svizzero nei confronti dell'euro. Lo ha indicato oggi il suo presidente Philipp Hildebrand. Il successore di Jean-Pierre Roth, in un'intervista alla trasmissione "ECO" della televisione svizzero-tedesca, si è pure espresso sullo "stato di salute" di UBS.
Secondo Hildebrand, il grande istituto bancario elvetico avrebbe ritrovato la sua "solidità". L'UBS deve ora fare ancora qualche progresso e dimostrare di essere in grado di generare utili, ha affermato Hildebrand, il quale spera che ciò sia presto il caso.
Il presidente della BNS si è pure espresso sui titoli tossici del valore di 21 miliardi di dollari che la BNS, nell'autunno 2008, ha rilevato da UBS nell'ambito del pacchetto di aiuti della Confederazione e che il Ceo del numero uno bancario Oswald Grübel aspira a riacquistare. Al momento ritrasferire questo rischio alla banca è fuori discussione, dato che restano aperte numerose questioni sull'evoluzione futura dei mercati, ha detto Hildebrand.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.