Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Banca nazionale svizzera (BNS) continuerà a evitare un apprezzamento troppo forte del franco svizzero nei confronti dell'euro. Lo ha indicato oggi il suo presidente Philipp Hildebrand. Il successore di Jean-Pierre Roth, in un'intervista alla trasmissione "ECO" della televisione svizzero-tedesca, si è pure espresso sullo "stato di salute" di UBS.
Secondo Hildebrand, il grande istituto bancario elvetico avrebbe ritrovato la sua "solidità". L'UBS deve ora fare ancora qualche progresso e dimostrare di essere in grado di generare utili, ha affermato Hildebrand, il quale spera che ciò sia presto il caso.
Il presidente della BNS si è pure espresso sui titoli tossici del valore di 21 miliardi di dollari che la BNS, nell'autunno 2008, ha rilevato da UBS nell'ambito del pacchetto di aiuti della Confederazione e che il Ceo del numero uno bancario Oswald Grübel aspira a riacquistare. Al momento ritrasferire questo rischio alla banca è fuori discussione, dato che restano aperte numerose questioni sull'evoluzione futura dei mercati, ha detto Hildebrand.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS