Navigation

Hillary Clinton, Zuckerberg dovrebbe pagare per danni a democrazia

Mark Zuckerberg ha delle colpe da scontare, dice Hillary Clinton. KEYSTONE/AP/ANDREW HARNIK sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2019 - 17:43
(Keystone-ATS)

Mark Zuckerberg "dovrebbe pagare un prezzo" per quello che sta facendo alla democrazia: lo ha detto l'ex candidata presidenziale Hillary Clinton parlando alla proiezione a New York di The Great Hack, un documentario di Netflix sullo scandalo di Cambridge Analytica.

Lo scrive il Guardian. Hillary ha anche rilanciato la minaccia sulle elezioni americane e britanniche, criticando la decisione del fondatore di Facebook di non sottoporre al factcheck la pubblicità politica sulla piattaforma, consentendo quindi anche spot falsi o ingannevoli.

L'ex first lady ha sostenuto che è inevitabile che la falsa informazione su Facebook avrà un impatto sulle elezioni "perché la propaganda funziona". "Quando Facebook è la principale fonte di informazione per oltre la metà degli americani e la sola fonte di informazioni cui la maggior parte di loro presta attenzione, e annuncia che non ha alcuna responsabilità per diffondere pubblicità falsa... come potete supporre di avere informazioni accurate su qualsiasi cosa, per non parlare dei candidati a varie cariche", ha chiesto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.