Navigation

Hollande: "Ue non sa decidere, deve farlo prima e meglio"

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2012 - 16:54
(Keystone-ATS)

L'Ue soffre di un "problema di meccanismo decisionale" e deve agire al "più presto, in modo più forte" per rispondere a problemi come la disoccupazione o l'attività economica: lo ha detto il presidente francese, François Hollande, nel corso di una conferenza stampa a Parigi con il premier spagnolo Mariano Rajoy.

"Nell'Unione europea abbiamo un problema di meccanismo decisionale. Certo, ci sono degli strumenti che sono stati creati (...) ma dobbiamo andare più forte, più veloce", ha dichiarato Hollande, a poche ore dall'apertura del vertice informale di Bruxelles.

"Non ci può essere solo una dimensione legata al bilancio, che è quelle scelta attraverso il trattato che conoscete (...) ma dobbiamo aggiungere un patto di crescita e anche un impegno a medio termine, gli europei devono sapere dove va l'Europa, ci deve essere una direzione politica".

E ancora: "Se c'è sfiducia, è anche perchè l'Europa, che è il nostro progetto, non ha sufficientemente risposto a un certo numero di problemi, in particolare, la disoccupazione, l'attività economica, il nostro avvenire comune". "Questa sera - ha proseguito - dobbiamo riflettere rispetto alle sfide economiche, come portare la crescita, alle sfide finanziarie, come portare liquidità, ma anche rispetto alle sfide politiche. Cosa a vogliamo fare insieme? È una questione democratica e politica di prima importanza".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?