Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il candidato alla presidenza dell'opposizione honduregna Salvador Nasralla.

KEYSTONE/EPA EFE/HUMBERTO ESPINOZA

(sda-ats)

Il candidato alla presidenza dell'opposizione honduregna, Salvador Nasralla, ha chiesto che si proceda a un nuovo conteggio dei voti registrati nelle elezioni dello scorso 26 novembre, sotto controllo internazionale, o si ripeta il voto.

Nasralla ha ribadito che non accetta i risultati ufficiali del Tribunale Supremo Elettorale (Tse). "La nostra posizione è chiara: che un tribunale internazionale riveda i registri dei 18'128 seggi elettorali, senza nessuna partecipazione del Tse, che deve solo consegnare il materiale che possiede, urne e registri di votazione", ha detto Nasralla, aggiungendo che in alternativa si devono convocare nuove elezioni.

Gli ultimi risultati diffusi dal Tse hanno dato per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, che avrebbe battuto Nasralla con poco più dell'1,5% dei voti (42,98% contro 41,38%), ma l'organismo elettorale non ha ancora proclamato Orlando Hernandez presidente, a causa del clima di tensione che si è creato nel paese.

Gli osservatori elettorali internazionali dell'Organizzazione degli Stati Americani (Osa) hanno dichiarato in un comunicato che "se le irregolarità esistenti fossero tali da rendere impossibile che questo processo offra certezze e sicurezza nel suo scrutinio, ci riserviamo il diritto di formulare raccomandazioni aggiuntive (...) includendo la possibilità di raccomandare che si convochino nuove elezioni".

Da parte sua, la portavoce dell'Alto Commissario Ue per gli Esteri, Federica Mogherini ha detto ieri che le autorità elettorali dell'Honduras devono "rispondere ai possibili reclami e perfino al richiesta di un secondo processo trasparente di computo dei voti, se lo chiedono i candidati".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS