Navigation

Hotelleriesuisse: un terzo alberghi non competitivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2010 - 15:13
(Keystone-ATS)

BERNA - Un terzo dei 5'500 alberghi in Svizzera non è competitivo e scomparirà. Lo afferma sulle colonne della "SonntagsZeitung" il presidente di Hotelleriesuisse Guglielmo Brentel. Soprattutto nelle regioni turistiche servono più alberghi di qualità. "È una questione che va regolata dal libero mercato", afferma.
Nonostante la forza del franco, Brentel si è detto ottimista per la stagione estiva in corso. "Siamo stati in grado di compensare più che bene il crollo dell'euro con visitatori dall'Asia, dal Medio Oriente e dagli Stati Uniti. E anche gli svizzeri sono restati", ha spiegato.
Verosimilmente il previsto calo del 3% dei pernottamenti pronosticato per il 2010 da Hotelleriesuisse non si verificherà: "dovremmo raggiungere i livelli dell'anno scorso o perfino un po' di più", si è rallegrato il presidente dell'organizzazione del ramo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.