Navigation

I Verdi vogliono un seggio in governo

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 settembre 2011 - 11:31
(Keystone-ATS)

I Verdi svizzeri rivendicano un seggio in Consiglio federale. A sei settimane dalle elezioni del 23 ottobre il loro presidente Ueli Leuenberger, parlando all'assemblea dei delegati a Neuchâtel, ha affermato che un ecologista in governo permetterebbe di rafforzare il fronte anti-nucleare.

"Rivendichiamo il nostro posto in seno al governo che dirige il paese, tanto sulla base della forza elettorale quanto su quella delle nostre competenze", ha detto Leuenberger, che ha voluto essere quanto mai chiaro: "Diciamocelo, l'entrata dei Verdi in Consiglio federale è all'ordine del giorno".

Per il consigliere nazionale ginevrino l'ambizione per le prossime federali è di superare il 10% dei consensi, l'ultimo barometro elettorale di venerdì assegna agli ecologisti un 9,5% delle intenzioni di voto.

In vista della scadenza politica i Verdi hanno rivolto un appello ai partiti che la pensano più o meno allo stesso modo sul nucleare, nell'intento di formare una coalizione per il rapido abbandono dell'atomo. Si tratta di Evangelici, PPD, PS, PBD e Verdi liberali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?