Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Al secondo giorno della sua tradizionale "gita scolastica", il Consiglio federale "in corpore" ha visitato stamane le Bolle di Magadino. Il governo è giunto in seguito verso mezzogiorno a Bellinzona a bordo di un Autopostale.

Dopo essere stati accolti dal Consiglio di Stato ticinese, i "sette saggi" hanno incontrato la popolazione. Sarà stato il caldo, o la discrezione mediatica che ha accompagnato il viaggio in Ticino, sta di fatto che solo 2-300 persone si sono recate in centro a Bellinzona per salutare il governo.

Non c'è quindi stato bisogno di precipitarsi per ricevere il pranzo a base di risotto e luganighe, menu espressamente richiesto dalla presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga: la Società Rabadan aveva infatti preparato ben 1500 porzioni.

In precedenza, il governo aveva incontrato la stampa in riva al Verbano a Magadino. A proposito della decisione del Ticino di chiedere il casellario giudiziale ai frontalieri, Sommaruga ha detto che "bisogna rispettare gli accordi internazionali e che ora occorre adoperarsi per trovare una soluzione valida per ambo le parti, evitando uno scontro".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS