Navigation

Il naufragio dimenticato del transatlantico "Africa"

Una vecchia cartolina rappresentante il transatlantico "Africa" Wikimedia Commons sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 gennaio 2020 - 11:59
(Keystone-ATS)

Nelle acque a largo di Bordeaux morirono in tanti, 568 persone, tra cui 192 cannonieri senegalesi che tornavano a casa dopo aver servito la Francia nel corso della prima guerra mondiale. Eppure il naufragio del transatlantico 'Africa' sembra dimenticato.

A ricostruire i fatti - avvenuti il 12 gennaio di cento anni fa - è stato Roland Mornet nel libro "La tragedia della nave Africa" per ricordare alla Francia un avvenimento tagliato via dalla sua storia. Una mancanza sottolineata anche dal saggista franco-senegalese Karfa Diallo che, con una lettera aperta a Macron, pubblicata dal sito "Jeune Afrique", ha recentemente invitato il presidente francese a onorare la memoria dei cannonieri senegalesi morti nel disastro marittimo.

L'Africa era una nave della Società dei concessionari combinati (CCR) trasportava sia merci che passeggeri. Durante la prima guerra mondiale, servì come collegamento Bordeaux-Dakar. Il suo capitano, Antoine La Dû era stato decorato con la Legione d'Onore il 20 gennaio 1919. Il 7 gennaio 1920, il transatlantico ottiene il rinnovo del permesso di navigazione dopo una serie di riparazioni.

Salpa due giorni dopo alle 19 dell'estuario fluviale del corso d'acqua formato dai fiumi Dordogna e Garonna, che confluiscono a valle di Bordeaux, con 600 persone a bordo, tra cui 135 uomini di equipaggio. Il tempo è brutto, i marinai sanno che quando si esce dal fiume, sarà peggio.

La mattina del 10 gennaio, l'Africa raggiunge il mare, già grosso. Alle 10 del mattino la nave deve rallentare la sua andatura a causa della presenza di acqua nel locale caldaia. Mentre si cerca l'origine della perdita le pompe si bloccano a causa dei residui di combustione del carbone che arrivano a intasare i tubi di aspirazione.

La sera del 10 gennaio, la nave comincia a sbandare. Intorno a mezzanotte, il capitano decide di fare marcia indietro ma ciò risulta impossibile a causa della mancanza di velocità della nave. L'11 gennaio alle 7 del mattino il capitano lancia la richiesta di aiuto. Due rimorchiatori di stanza a Rochefort ricevono l'ordine di prepararsi a raggiungere la nave, mentre la Ceylon, un altro transatlantico, devia per salvare l'Africa.

Intanto la nave, priva di energia elettrica, naviga al buio. La Ceylon non riesce ad avvicinarsi. Verso le 22 l'Africa colpisce qualcosa, forse un palo d'acciaio che indica l'altezza del fondale. Una nuova falla si apre nello scafo. Poco dopo le tre del mattino del 12 gennaio 1920, la nave si inabissa. La Ceylon recupererà nove membri dell'equipaggio e tredici senegalesi da una zattera. Uno di loro muore poco dopo. In tutto, ci saranno solo 34 sopravvissuti.

Nell'immediatezza del fatto i giornali ne parlano, ma la notizia rapidamente sbiadisce soppiantata dalla vittoria a sorpresa di Paul Deschanel su Georges Clemenceau nelle elezioni presidenziali francesi. Un'indagine viene avviata sentendo i sopravvissuti e gli esperti per stabilire le cause della tragedia. Negli anni che seguirono, tra il 1923 e il 1930, la Compagnia di navigazione sarà ripetutamente citata in giudizio dalle famiglie dei passeggeri, ma sembra che solo i parenti dei membri dell'equipaggio ottennero risarcimenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.