Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il quotidiano neocastellano "L'Express" compie oggi 275 anni, diventando così il più vecchio giornale di lingua francese al mondo ancora in circolazione. Per l'occasione, è stata pubblicata un'edizione speciale.

La prima parte del giornale, intitolata con il nome originario "Feuille d'Avis de Neuchâtel", è dedicata all'attualità. La grafica ricorda quella utilizzata una sessantina di anni fa, esclusivamente in bianco e nero.

Il lettore può così farsi un'idea delle pratiche editoriali e dei mezzi tecnici dell'epoca e capire l'evoluzione della stampa durante gli ultimi decenni, spiega "L'Express". Solamente la pubblicità è rimasta invariata.

La seconda parte dell'edizione odierna, invece, ha una vocazione storica. Le prime tre pagine tracciano le tappe dell'allora "Feuille d'Avis de Neuchâtel", fino all'attuale "L'Express". Le altre evocano temi che negli anni hanno marcato la regione, come l'uragano che colpì nel 1926 l'Arco giurassiano.

Dopo quasi cinque anni di lavoro, dal 4 giugno sono disponibili online tutte le edizioni de "L'Express". "Un altro omaggio a 275 anni di storia", dichiara il quotidiano.

La "Feuille d'Avis de Neuchâtel" nasce il 2 ottobre 1738 dall'iniziativa di François Louis Liechtenbahn. Dal 1813, la famiglia di editori Wolfrath prende le redini e prosegue con lo sviluppo del titolo. Il giornale diventerà "L'Express" nel 1988, concretizzando il progetto elaborato dal suo editore e direttore generale Fabien Wolfrath.

Dopo la metà degli anni novanta "L'Express" inizia a collaborare con il quotidiano rivale di La Chaux-de-Fonds "L'Impartial". Dal 1999, entrambi sono controllati dalla "Société neuchâteloise de presse" (SNP), detenuta a maggioranza dalla famiglia Wolfrath. Nel 2002, il gruppo France-Antille di Philippe Hersant acquisisce la totalità del capitale azionario della SNP.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS