Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il Röstigraben esiste anche nei viaggi

I viaggiatori svizzerotedeschi varcano raramente il "Röstigraben": solo il tre percento dei loro viaggi portano infatti in Romandia, mostra uno studio dell'Università di San Gallo. Al contrario, i romandi si recano nella Svizzera tedesca nel 14% dei casi.

Il sondaggio è stato effettuato su 3'500 economie domestiche, ha comunicato oggi l'università. Nonostante le condizioni di vita simili, i romandi vanno molto più spesso nella Svizzera tedesca che non il contrario.

I germanofoni rimangono più volentieri nella loro regione linguistica (31% dei viaggi). Fra i francofoni questa quota si abbassa al 17%. Il risultato non è troppo sorprendente, sottolineano i ricercatori, anche perché la Svizzera tedesca è molto più grande di quella romanda.

Uscendo dai confini nazionali, gli svizzerofrancesi amano paesi in cui parla la loro lingua (36% dei viaggi). Al contrario, i germanofoni si recano in territori con lo stesso idioma solamente nel 24% dei casi.

Questi ultimi raggiungono poi il Ticino il doppio delle volte (6%) rispetto ai romandi.

Differenze si riscontrano anche nei budget: secondo lo studio gli svizzerotedeschi spendono in media 1'450 franchi, contro i 1'070 dei francofoni, e questo nonostante un reddito simile. Uno dei motivi è che i romandi vanno quasi il doppio delle volte a trovare amici e parenti, oppure optano per hotel più semplici.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.