Navigation

Immigrati in Svizzera: forte aumento rimesse in paesi d'origine

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2014 - 15:16
(Keystone-ATS)

Nel 2013 i lavoratori stranieri in Svizzera hanno inviato a titolo privato a parenti e conoscenti quasi 6,5 miliardi di franchi almeno nei paesi d'origine, secondo l'Ufficio federale di statistica (UST). Una somma che rappresenta oltre il doppio dell'aiuto pubblico elvetico allo sviluppo nel mondo.

Le rimesse degli emigrati costituiscono una fonte importante di reddito per i paesi più poveri. Tra il 2003 e il 2013 i trasferimenti di denaro dalla Svizzera sono quasi raddoppiati, rileva l'UST, che si basa sui dati forniti dalla Banca mondiale. Nel 2013 c'è stato ancora un aumento del 2%, dopo il +4,2% dell'anno precedente.

Da notare che solo i pagamenti effettuati tramite canali ufficialmente riconosciuti, come le banche, la posta e le società specializzate come Western Union sono considerati nella statistica. Esperti ritengono che una buona parte dei flussi finanziari avvenga al di fuori di queste vie. I trasferimenti effettivi supererebbero di metà quelli registrati ufficialmente.

Con la liberalizzazione economica e la crescita della migrazione di lavoratori meglio formati le rimesse di denaro non sono aumentate soltanto a partire dalla Svizzera. Dal 2004 al 2014 i trasferimenti sono passati globalmente da 230 miliardi di dollari a 582 miliardi, secondo le stime della Banca mondiale. Soltanto quest'anno la crescita è stata del 5%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.