Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Stop ai rimpatri "illegali", il diritto d'asilo garantito dalle norme Ue va rispettato. Questo l'avvertimento lanciato oggi dall'Ue al governo maltese non appena si è appreso dell'intenzione di La Valletta di rimpatriare oltre 100 somali appena sbarcati sull'isola. Un vero e proprio altolà lanciato dalla commissaria Ue per gli affari interni, la svedese Cecilia Malmstrom, che si è detta "molto preoccupata" per le notizie provenienti da Malta.

Gli anni passano, i morti aumentano e gli sbarchi di disperati in fuga dall'Africa si ripetono. Forse però questa volta l'attenzione sollevata intorno al dramma dei migranti dalla visita di papa Francesco a Lampedusa - che con Malta condivide il tragico ruolo di prima destinazione dei barconi provenienti dalle coste nordafricane - ha avuto l'effetto di risvegliare le coscienze di chi deve assicurare il rispetto delle norme internazionali.

Davanti all'avvertimento Ue, il premier Joseph Muscat ha replicato: "Ci avete lasciati soli". Ma ha anche precisato che la decisione sul rinvio in Libia dei 102 somali sbarcati solo oggi "non è stata ancora presa". Ed ha spiegato che in ogni caso non si deve parlare di "respingimento", bensì di "protezione dell'interesse nazionale".

Dal canto suo, e per sgombrare il campo da qualsiasi equivoco, Malmstrom ha sottolineato che "in base agli obblighi derivanti dalla legislazione Ue e dal diritto internazionale, tutte le persone che arrivano sul territorio comunitario possono presentare domanda d'asilo e hanno il diritto di vedere la loro situazione valutata adeguatamente. Ogni operazione di rimpatrio deve rispettare queste condizioni, in particolare il principio di non-respingimento".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS