Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Christoph Brutschin, presidente della Conferenza dei direttori cantonali dell'economia pubblica.

Keystone/GEORGIOS KEFALAS

(sda-ats)

I Cantoni chiedono alla Confederazione di aumentare i contingenti di quest'anno per la forza lavoro proveniente da Stati terzi (non UE o AELS) e di riportarli il prossimo anno al livello del 2014.

In Svizzera c'è urgente bisogno di ricercatori nel campo farmaceutico e di specialisti informatici, ma sino a fine anno rimangono a disposizione solo 89 permessi di dimora di tipo B e 532 di tipo L di breve durata, ha detto all'ats Christoph Brutschin, presidente della Conferenza dei direttori cantonali dell'economia pubblica (CDEP).

Diversi cantoni hanno esaurito da tempo i loro contingenti per gli Stati terzi, come gli USA. Ad esempio, a Basilea i 136 permessi di lavoro di tipo B erano stati completamente aggiudicati già a fine febbraio, a Zurigo a fine aprile e a Ginevra il mese scorso. Di conseguenza i cantoni devono ricorrere alla cosiddetta riserva federale

Una delegazione della CDEP intende discutere la questione con la ministra responsabile Simonetta Sommaruga, a capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP). L'incontro dovrebbe avvenire a Berna questo mese o in ottobre, ha precisato Brutschin, confermando quanto riportato dai quotidiani "St. Galler Tagblatt" e "Neue Luzerner Zeitung".

I cantoni auspicano che il Consiglio federale il prossimo anno riporti i contingenti per gli Stati terzi a livello del 2014, ossia a 8500 permessi (3500 di tipo B e 5000 di tipo L). Dopo l'accettazione dell'iniziativa Contro l'immigrazione di massa il governo ha ridotto i permessi a 6500, di cui 2500 per dimoranti.

Cantoni e datori di lavoro vogliono ritornare alla situazione precedente poiché temono svantaggi per la piazza industriale elvetica. Secondo Brutschin, la prassi attuale "mette in pericolo numerosi progetti di ricerca e sviluppo", che costituiscono "i posti di lavoro del domani". E "se questi programmi iniziano a Cambridge, Shanghai o Berlino invece che a Basilea, Zurigo o Ginevra, perdiamo delle occasioni", ha aggiunto.

A Basilea l'industria farmaceutica si lamenta di non poter assumere abbastanza ricercatori provenienti da Stati terzi.

L'amministratore delegato di Hoffmann-La Roche, Severin Schwan, in luglio ha detto che senza sufficiente forza lavoro proveniente dall'estero l'azienda non potrebbe mantenere le proprie attività in Svizzera a livello attuale.

Il portavoce di Novartis, Satoshi Sugimoto, ha detto oggi che il colosso farmaceutico ha occupato tutti i posti possibili per i programmi essenziali, ma che si sente l'aggravamento della situazione riguardo ai contingenti degli Stati terzi.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS