Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Decine di migranti clandestini potrebbero essere dispersi in mare, almeno tre sono morti - fra cui due bambini piccoli, mentre 157 naufraghi sono stati portati in salvo al largo dell'isola di Giava, in Indonesia, dove la scorsa notte è affondato un barcone diretto in Australia. Lo rendono noto i servizi di soccorso indonesiani.

"Non sappiamo esattamente quante persone vi fossero a bordo", dice un responsabile dei soccorsi, mentre secondo alcuni testimoni, potrebbero essere stati fino a 250 stipate sull'imbarcazione. I dispersi vanno quindi dai 60 agli 80. Fra i morti accertati vi sono un bambino e un bebè.

I migranti, fa sapere il servizio di soccorso, provengono per lo più da Iraq, Iran, Bangladesh e Sri Lanka.

Il barcone sarebbe naufragato la scorsa notte poco dopo la partenza dal porto di Cidaun, sulla costa meridionale di Giava, dopo l'urto con una barriera corallina a largo di Sakapura.

I sopravvissuti "sono stati portati temporaneamente a una struttura di ospitalità" e "sembrano essere in buona salute", dice ancora la fonte.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS