Navigation

Immigrazione: parte Triton, operativi 2 aerei e due navi

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 novembre 2014 - 19:04
(Keystone-ATS)

È partita ufficialmente Triton, l'operazione sotto l'egida dell'Unione Europea per il pattugliamento del canale di Sicilia e del tratto di mare davanti alla Calabria: nella zona sono già operativi due aerei, uno di Malta e uno della Guardia di Finanza italiana, una nave della Marina Militare italiana e una motovedetta della Guardia di finanza italiana.

Il dispositivo completo messo a disposizione dall'agenzia europea per il controllo della frontiera esterna (Frontex)- due navi d'altura, due navi di pattuglia costiera, 2 motovedette, 2 aerei e un elicottero - sarà schierato nei prossimi giorni, quando i mezzi provenienti dagli altri paesi dell'Ue avranno raggiunto le due basi operative di Porto Empedocle e Lampedusa.

Il centro di coordinamento internazionale di Triton è situato nella sede del comando aeronavale della Gdf a Pratica di Mare, dove è presente una centrale operativa in cui operano ufficiali di tutti i corpi coinvolti nella missione.

A Triton parteciperà una guardia di confine elvetica: la donna si recherà il 23 novembre in Italia, dove fino al 9 gennaio 2015 lavorerà come "debriefer": sarà suo compito ascoltare i profughi sui motivi della loro partenza, sulla rotta percorsa e sull'identità e il comportamento di eventuali scafisti.

Otto Stati membri dell'Ue - Finlandia, Spagna, Portogallo, Islanda, Olanda, Lettonia, Malta e Francia - hanno messo a disposizione mezzi tecnici per l'operazione Triton. Oltre alla Svizzera, personale specializzato è stato offerto da altri 11 Paesi: Spagna, Francia, Finlandia, Romania, Norvegia, Germania, Olanda, Svezia, Portogallo, Austria e Polonia.

Per l'operazione Triton, che ha un budget di 2,9 milioni di euro, Frontex opererà sotto il comando ed il controllo delle autorità italiane e lavorerà in stretto coordinamento con la Guardia di Finanza, la Guardia costiera e la Marina.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.