Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governo di Tripoli, non riconosciuto dalla comunità internazionale, "ha espresso la propria disponibilità a cooperare con l'Unione europea per combattere l'immigrazione illegale e il terrorismo che minaccia la sicurezza dell'area.

Lo riferisce l'agenzia Lana, l'ex agenzia ufficiale libica controllata da Tripoli.

L'agenzia afferma che la dichiarazione di disponibilità è stata fatta durante un incontro del Governo di salvezza nazionale (Nsg) presieduta dal premier pro-tempore Khalifa Al-Ghawali. La riunione è stata incentrata sui "mezzi per combattere operazioni di immigrazione illegale nonostante la carenza di capacità in termini di personale e di materiali".

La seduta ha esaminato anche dati presentati dal ministero dell'Interno che "mostrano come più di 8.000 persone di differenti nazionalità sono entrate in Libia con mezzi illegali".

L'Nsg non è riconosciuto internazionalmente ma sta trattando su un piano di parità con l'esecutivo di Tobruk - quello attualmente riconosciuto - nei negoziati Onu per la formazione di un governo di unità nazionale in corso in Marocco e soprattutto controlla la costa occidentale libica da cui parte la maggior parte dei barconi diretti in Italia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS