Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Estensione dell'operazione Triton e 13,7 milioni di euro per l'asilo: la Commissione Ue potenzia l'"assistenza" a Roma per far fronte alla pressione migratoria e manda un segnale chiaro, come mai prima, lasciando intravedere la traiettoria di una svolta concreta.

Il commissario all'Immigrazione Dimitris Avramopoulos è sceso in sala stampa a Bruxelles scandendo con tono solenne "l'Italia non è sola. L'Europa è al suo fianco". Di concreto c'è il prolungamento dell'operazione Triton, inizialmente prevista solo per alcuni mesi e ora estesa almeno a fine 2015 - per questa proroga c'è una "dotazione iniziale provvisoria di 18,2 milioni" -, oltre ad un'erogazione di 13,7 milioni di finanziamenti di emergenza, che vengono attinti al Fondo Asilo, migrazione e integrazione, anche alla luce del drammatico aumento degli arrivi di minori non accompagnati (il 278% in più rispetto al 2013). Cifre che si aggiungono ad un pacchetto già stanziato di oltre 500 milioni di euro per il periodo 2014-2020.

Ma Bruxelles si dice anche "pronta a reagire rapidamente" di fronte a "eventuali richieste" di Roma "di aumentare le risorse" per l'operazione congiunta di Frontex, a cui attualmente partecipano 21 Stati membri, e che dal suo avvio, il primo novembre 2014, ha contribuito in modo diretto a salvare 6mila persone su circa 19mila, partecipando a 27 operazioni di ricerca e salvataggio solo nel weekend scorso.

"Non possiamo sostituirci all'Italia nella gestione delle sue frontiere esterne ma possiamo darle una mano", afferma Avramopoulos che ribadisce come a breve la Commissione presenterà un'Agenda per l'immigrazione dall'"approccio olistico". Sarà la prima vera politica europea sul tema, che punta a risultati concreti, al di là degli slogan inconsistenti lanciati dall'Ue negli ultimi anni, annuncia il commissario.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS