Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il PS ha depositato due ricorsi contro la votazione del 2008 sull'imposizione delle imprese. A suo avviso il Consiglio federale ha tratto in inganno il popolo affermando che questa riforma avrebbe generato solo un leggero calo dell'introito fiscale, mentre è ormai chiaro che le mancate entrate sono di diversi miliardi di franchi.

Un ricorso è stato inoltrato a Berna dalla consigliera nazionale Margret Kiener-Nellen e l'altro a Zurigo dal collega Daniel Jositsch. L'informazione, pubblicata dalla "NZZ am Sonntag", è stata confermata dal parlamentare zurighese.

La riforma dell'imposizione delle imprese II era stata accettata a stretta maggioranza il 24 febbraio 2008 (50,5%). Due settimane fa, la consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf aveva annunciato che le misure avrebbero causato per il 2011 un mancato guadagno di 1,2 miliardi e perdite per 4-6 miliardi nei prossimi dieci anni.

La ministra ha riconosciuto che l'opuscolo del Consiglio federale, che parlava di un leggero calo delle entrate fiscali di 84 milioni, "era incompleto", ma a suo avviso le perdite sono sopportabili e non ha quindi voluto correggere la legge.

Il Consiglio nazionale discuterà della questione durante la sessione speciale in programma dall'11 al 14 aprile.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS