Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio federale deve presentare soluzioni sulla responsabilità in materia di diritti umani e dell'ambiente per le imprese svizzere attive all'estero. Il Nazionale ha tacitamente trasmesso oggi un postulato della sua Commissione della politica estera.

Il governo è così incaricato di affidare all'Istituto svizzero di diritto comparato il compito di redigere un rapporto sulle soluzioni esistenti in altri Paesi, ha spiegato Ursula Haller (PBD/BE) a nome della commissione.

In base a tale studio, il Consiglio federale dovrà indicare quali sono le soluzioni che la Svizzera potrebbe adottare, in coordinazione con altre nazioni. Carlo Sommaruga (PS/GE), sempre a nome della commissione, ha ricordato che il postulato è nato in seguito alla petizione "Diritto senza frontiere", lanciata nel 2012 da diverse organizzazioni e che ha raccolto oltre 135mila firme.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS