Navigation

In 6 mesi 11 milioni euro non dichiarati a confine Svizzera

Ammonta a oltre 11 milioni di euro la valuta non dichiarata intercettata dalla Guardia di finanza (Gdf) di Como ai valichi di confine con la Svizzera nel primo semestre del 2019. KEYSTONE/TI-PRESS/FRANCESCA AGOSTA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 ottobre 2019 - 11:50
(Keystone-ATS)

Ammonta a oltre 11 milioni di euro la valuta non dichiarata intercettata dalla Guardia di finanza (Gdf) di Como, in collaborazione con l'Ufficio delle Dogane, ai valichi di confine con la Svizzera nel primo semestre del 2019.

I finanzieri italiani hanno scoperto che a cercare di portare contanti oltre la soglia consentita di 10mila euro sono stati sia italiani che stranieri, in particolare cittadini svizzeri e dell'Ue, ma anche del Medio Oriente, del Nord America e, in particolare, della Cina.

Diversi gli stratagemmi per nascondere le banconote: ad esempio nei vani dell'abitacolo, sotto i sedili, all'interno dei bagagli, fra gli indumenti intimi e nelle scarpe. Fondamentale in questo tipo di interventi, spiega la GdF, è stato il fiuto di Derek, il 'cash-dog', un pastore tedesco addestrato a riconoscere l'odore delle banconote anche a distanza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.