Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine della scoperta

(sda-ats)

Una carovana di dromedari a grandezza naturale, scolpita nella roccia rossa oltre 2.000 anni fa, è stata scoperta in Arabia Saudita.

A individuare i bassorilievi, descritti sulla rivista Antiquity, è stato un gruppo di archeologi del Consiglio Nazionale delle Ricerche francese (Cnrs) e della Commissione per il Turismo e il patrimonio nazionale saudita (Scth).

Il Camel Site, questo il nome del luogo del ritrovamento, è situato nella provincia di Al Jawf, nel nord-ovest dell'Arabia Saudita, ed è stato esplorato nel 2016 e nel 2017. La sua scoperta getta una nuova luce sull'evoluzione dell'arte rupestre nella penisola arabica. Le sculture, eseguite a bassorilievo su tre speroni rocciosi, raffigurano animali a grandezza naturale. Alcune di queste sono incomplete, altre sono state in parte distrutte dall'erosione. Tuttavia, i ricercatori sono stati in grado di identificare una decina di rilievi che rappresentano dromedari ed equidi. Una scena, in particolare, non ha precedenti nelle rappresentazioni spesso presenti in questa regione: un dromedario insieme ad un asino, un animale, quest'ultimo, raramente rappresentato nell'arte rupestre.

Il Camel Site può essere considerato una delle principali vetrine dell'arte rupestre saudita. La sua posizione nel deserto e la vicinanza alle rotte carovaniere suggeriscono che fosse un luogo di sosta, dove i viaggiatori potevano riposare, o di culto. Tuttavia il sito è difficile da datare. Il confronto con un rilievo del sito archeologico di Petra, in Giordania, porta i ricercatori a ritenere che le sculture siano state completate nei primi secoli avanti Cristo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS