Navigation

In Messico tregua della violenza

Foto d'archivio KEYSTONE/AP NY/ALEXANDRE MENEGHINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 marzo 2020 - 15:41
(Keystone-ATS)

In Messico la diffusione del coronavirus e le misure per arginarlo hanno generato negli ultimi giorni una tregua della violenza che da anni flagella il Paese.

Anche se ancora non vi sono statistiche che sostengano questa ipotesi, basta sfogliare i quotidiani per rendersi conto che dalle pagine di cronaca nera stanno scomparendo le notizie di massacri, scontri a fuoco ed omicidi.

Alejandro Hope, specialista in sicurezza, ha osservato semplicemente che "una minore presenza di persone nelle strade comporta una riduzione delle potenziali vittime di atti violenti". Per cui, ha aggiunto, "non è assurdo ipotizzare che in presenza di restrizioni imposte per la pandemia diminuiscano i reati, dato che anche le persone propense a commetterli debbono rispettare le regole".

L'impatto non sarà però lo stesso per tutti i delitti. Ad esempio, "è prevedibile che se le strade si svuotano diminuiranno scippi e assalti ai mezzi pubblici, e si ridurranno i furti negli appartamenti".

Al contempo "è probabile che aumentino i reati domestici, come la violenza familiare o le aggressioni sessuali". Proprio quello che è accaduto nella provincia cinese dell'Hubei, dove le telefonate alla polizia per denunciare episodi di violenza domestica sono triplicate durante la quarantena.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.