Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Potrebbe risiedere in un ingrediente contenuto in molte creme antirughe, la chinetina, il futuro per la cura del Parkinson. A rivelarlo è una ricerca americana, dell'Università della California a San Francisco, pubblicata sulla rivista scientifica Cell.

Secondo gli scienziati questo ingrediente attivo, un fitormone, cioè un ormone vegetale che regola la crescita e la differenziazione cellulare ritardando l'invecchiamento cutaneo, sarebbe in grado di rallentare la progressiva degenerazione delle cellule cerebrali che caratterizza il morbo di Parkinson e in alcuni casi di fermarla del tutto.

La scoperta è frutto di uno studio lungo anni, iniziato nel 2004 con l'osservazione di una famiglia italiana in cui c'erano diversi casi di questa malattia. L'esame del nucleo familiare ha permesso di "isolare" la proteina che con la sua mutazione era responsabile della trasmissione del Parkinson, chiamata Pink1: nel tentativo di bloccarne gli effetti si sono osservati per la prima volta i benefici della chinetina sulle cellule cerebrali danneggiate dal Parkinson.

I risultati fin qui ottenuti sono molto incoraggianti, come spiega il professor Kevan Shokat, che insieme al suo team ha svolto la ricerca e che definisce la chinetina "una molecola interessante da analizzare, sicura e che ha il vantaggio di essere reperibile piuttosto facilmente, visto che si trova in diverse creme antirughe". Se le analisi degli effetti di questa molecola sui topi di laboratorio con diversi tipi di Parkinson daranno i risultati sperati inizierà anche la sperimentazione sull'uomo, che come spiega il professor Shokat partirà proprio dai pazienti che hanno una mutazione della proteina Pink1, come nel caso della famiglia osservata nello studio, per poi estendersi a tutti gli altri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS